Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

PALERMO - Si e' conclusa, al Palaoreto di Palermo, la seconda edizione del progetto sportivo "Fencing for Change, la scherma del cambiamento". L'iniziativa, portata avanti dall'Esercito e dalla Federazione Italiana Scherma, ha coinvolto per il secondo quadrimestre dell'anno scolastico, oltre 200 studenti. Alla cerimonia di chiusura hanno partecipato gli alunni dei quattro istituti "Nuccio-Verga" di piazza Origlione all'Albergheria , il "Giuliana-Saladino" al CEP, il "Colozza Bonfiglio" di via Imera, il "Montegrappa Sanzio" nell'omonimo quartiere.

Diffondere, attraverso la scherma, la disciplina, il rispetto delle regole e il gioco di squadra, valori che sono fondamentali non solo nello sport, ma anche nel vivere quotidiano: questo l'obiettivo del progetto "Fencing for Change". "Lo sport all'interno delle scuole favorisce l'integrazione e la crescita dei ragazzi e se lo sport in questione e' proprio la scherma questo non puo' che essere per noi motivo di orgoglio - ha precisato all'Italpress Giorgio Scarso, presidente delle Federazione Italiana Scherma - Con questo progetto abbiamo entusiasmato i  ragazzi e allo stesso tempo abbiamo collaborato tutti insieme, Federazione Italiana Scherma, Universita' degli Studi di Palermo, Comune, Regione, Diocesi, per valorizzare lo sport come strumento educativo e sociale".

Soddisfatto del buon esito dell'iniziativa il comandante dell'Esercito in Sicilia, generale di brigata Claudio Minghetti. "La giornata di oggi conclude la seconda fase dell'anno scolastico, ma il protocollo prevede di continuare questa iniziativa anche l'anno prossimo e di questo siamo particolarmente felici. Lo sport contribuisce a diffondere tra i giovani i principi della legalita' e il rispetto per il prossimo". 

"Un'iniziativa degna di lode che ha avuto un grande successo e che ha dimostrato come lo sport possa essere uno strumento positivo per le scuole e per i ragazzi - ha puntualizzato Sandro Pappalardo, assessore regionale sport, turismo e spettacolo -. In Sicilia purtroppo sono pochissimi i giovani che si avvicinano allo sport, siamo sotto la media nazionale. Con questo progetto abbiamo invece entusiasmato gli studenti e molti nel loro piccolo hanno raggiunto ottimi livelli".
Apprezzamento anche da parte di Don Leoluca Pasqua, presente all'incontro conclusivo in rappresentanza dell'Arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice. "Si tratta di un'iniziativa che ha coinvolto positivamente e incoraggiato i nostri ragazzi a seguire la strada dello sport e ad impegnarsi per raggiungere con costanza e disciplina i propri obiettivi".

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });