Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

foto finale PlovdivPLOVDIV2017 - Vanno in archivio con un bilancio di 22 medaglie azzurre i Campionati Europei Cadetti e Giovani Plovdiv2017. La scherma dice "arrivederci" alla seconda città della Bulgaria che, dal 1 al 10 aprile, sarà ancora protagonista dei Campionati del Mondo under17 ed under20.


L'Italia ha primeggiato nel medagliere congiunto, con ben otto medaglie d'oro, sette d'argento ed altrettante di bronzo. La delegazione azzurra è riuscita quindi nell'intento non solo di rappresentare al meglio il Paese ma anche di inorgoglire l'intero movimento schermistico italiano.


Perchè è stata la scherma azzurra nella sua interezza a festeggiare successi, emozionarsi e seguire con passione ogni stoccata degli atleti in pedana. Questi infatti, data la loro età, sono l'espressione più sincera e diretta del lavoro quotidiano posto in essere nelle sale scherma di tutta Italia, dai maestri, dai dirigenti e da coloro i quali, con passione, alimentano il battito costante della scherma azzurra.


"Sono stati dieci giorni d'emozioni continue - dice il Presidente federale, Giorgio Scarso -. Abbiamo vissuto fianco a fianco ai nostri atleti ogni singolo istante delle loro gare e ci hanno ripagato con un carico di medaglie che ci fa guardare con fiducia al futuro della nostra disciplina. Ogni elemento della delegazione, dai maestri, allo staff medico, ai tecnici delle armi ed al personale della segreteria federale, è stata voce ben accordata di un coro che ha permesso all'inno di Mameli di risuonare al cielo di Plovdiv. Una citazione di merito è d'obbligo per i due capidelegazione: Valentina Vezzali e Maurizio Randazzo, che hanno saputo ben interpretare per la prima volta il loro ruolo. Due grandi campioni come loro hanno dato un apporto non solo politico-istituzionale ma anche di supporto psicologico a ragazzi che sono cresciuti guardando loro come esempio e che adesso se li sono ritrovati a fianco".


Il vertice federale, coglie anche un altro aspetto dalla brillante spedizione giovanile in terra di Bulgaria.
"La scherma italiana, in queste settimane, sta ricevendo accuse speciose e infondate, da chi, in alcuni casi, non ha nulla a che vedere con il movimento schermistico. Accuse ed azioni giudiziarie che rischiano di adombrare quella che è la realtà della scherma azzurra: una grande famiglia, fatta da dirigenti, tecnici, atleti e famiglie, su tutto il territorio nazionale, che motivati e spinti dalla sincera passione per lo sport, infondono impegno e non lesinano sacrifici per permettere agli atleti, dai più giovani ai più "blasonati", di essere nelle condizioni migliori per onorare l'Italia e garantire la continuità nella grande tradizione della scherma azzurra. Le polemiche, le accuse e le critiche fini a se stesse, non fanno parte del nostro DNA, che è invece intriso di sport, sudore, sacrifici, emozioni e vittorie. Tutti elementi vissuti insieme in pedana a Plovdiv".



CAMPIONATI EUROPEI CADETTI E GIOVANI PLOVDIV2017















































































































 Medagliere CADETTI    
 Nazione OroArgBroTot
ITALIA10 
UNGHERIA
RUSSIA 
FRANCIA
POLONIA
TURCHIA
GRAN BRE. 
ROMANIA 
UCRAINA 
BULGARIA 
11 GERMANIA 
12 SVIZZERA 
12 OLANDA 

 




































































































 Medagliere GIOVANI    
 Nazione OroArgBroTot
RUSSIA63312
ITALIA35412
FRANCIA 1146
4ISRAELE1  1
4REPUBBLICA CECA1  1
6POLONIA 134
7UNGHERIA 112
8UCRAINA 1 1
9GERMANIA  22
10GRECIA  11
      

     

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ $(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"}); });