Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

esultanza spadaBOURGES2016 - La scherma italiana festeggia la #Generazione2024. I Campionati del Mondo Cadetti e Giovani Bourges2016 si concludono con un bottino di 17 medaglie per la delegazione azzurra. La "giovane Italia" sulle pedane francesi ha così eguagliato il record di medaglie conquistato ad Amman2011, quando però non vi era la prova sperimentale a squadre miste under17.

I Mondiali giovanili rappresentano l'occasione per guardare al futuro della scherma. Bourges2016 ha attestato che la scherma italiana può guardare con fiducia al suo "domani", grazie alle potenzialità espresse dagli under17 ed under20 italiani.

Il totale di diciassette medaglie, di cui 5 d'oro, 5 d'argento e 7 di bronzo (tra cui quella a squadre miste under17), permette all'Italia di dominare il medagliere complessivo e di primeggiare nella classifica per Nazioni Cadetti (calcolata in base al punteggio ottenuto dai singoli atleti).

"Non si può che essere soddisfatti dall'esito complessivo di questo Mondiale, sebbene qualche pizzico di rammarico rimane soprattutto per alcune occasioni che potevano essere colte - dice il Presidente federale, Giorgio Scarso -. Alla luce dei Campionati Europei di NoviSad e dell'intera stagione di Coppa del Mondo, sapevamo di poter contare su un organico competitivo e tale si è dimostrato anche sulle pedane francesi. La soddisfazione maggiore è quella di aver visto i nostri atleti onorare l'Italia. Ciò è merito loro, delle loro società, dei maestri che li hanno cresciuti e portati a questi livelli, delle loro famiglie, alcune delle quali li hanno seguiti sino in Francia, ma anche dell'intero staff tecnico, medico e federale, guidato dai Capidelegazione Paolo Azzi e Giampiero Pastore e dal Segretario generale, Marco Cannella, che ha permesso a ciascuno degli atleti di esprimersi nel migliore dei modi sulle pedane di Bourges. Eravamo partiti - conclude Scarso - considerando questo evento una sorta di sguardo verso il 2024. Alla luce dei risultati ottenuti, possiamo dire che la generazione 2024 è pronta!"

Sono diversi i "flash" che rimarranno indelebili nel ricordo di chi ha vissuto questa rassegna iridata a Bourges. Dalla lunga tempistica di ogni singola gara, alla dislocazione delle pedane da un palazzetto all'altro del centro sportivo regionale di Bourges, ma anche alla soddisfazione nel vedere sul podio atleti infortunatisi durante i ritiri pre-Mondiali e poi rimessi in sesto dallo staff medico. Rimarrà indelebile il tifo del pubblico francese rivolto agli atleti azzurri impegnati sulla pedana finale, così come gli spettacoli che hanno anticipato ogni conclusione di giornata. Difficilmente si dimenticheranno le lacrime di Alice Clerici sul gradino più alto del podio, ma anche quelle di altre atlete in pedana, così come la grande intensità mostrata dall'intera squadra azzurra mista Cadetti, seguita a fondo pedana da tutti e tre i Commissari tecnici, senza dimenticare la prima - storica - medaglia d'oro conquistata da Singapore, ottenuta nella gara di sciabola femminile Cadetti.

A Bourges, l'Italia è stata ben rappresentata anche fuori dalle pedane, grazie all'arbitro internazionale Luigi Martilotti che ha avuto la responsabilità anche di arbitrare le finali di sciabola che non hanno visto protagonisti gli azzurri, e grazie anche al dottor Antonio Fiore, presidente della Commissione medica della Federazione Internazionale di Scherma e coordinatore dell'intero staff medico che ha seguito la rassegna iridata.

L'edizione 2016 dei Campionati del Mondo Cadetti e Giovani va in archivio, con Bourges che passa la bandiera, simbolo organizzativo, alla Bulgaria che, il prossimo anno, a Plovdiv, tornerà ad ospitare il futuro della scherma mondiale.

CAMPIONATI DEL MONDO CADETTI E GIOVANI BOURGES2016 - MEDAGLIERE COMPLESSIVO - Bourges, 01-10 Aprile 2016

    ORO ARG. BRONZO TOT
1 ITA 5 5 6 16
2 RUS 4 3 5 12
3 USA 3 3 5 11
4 FRA 3 1 1 5
5 JPN 1 1 2 4
6 POL 1   1 2
7 SIN 1     1
8 CHN   2 3 5
9 HUN   1 4 5
10 GER   1 1 2
11 KOR     1 1
12 CZE     1 1
13 GBR     1 1

ps. non viene calcolata la prova sperimentale a squadre miste Cadetti

CAMPIONATI DEL MONDO CADETTI - MEDAGLIERE - Bourges, 01-04 Aprile 2016

    ORO ARG. BRONZO TOT
1 ITA 3 1 3 7
2 USA 2 2 2 6
3 SIN 1     1
4 RUS   1 2 3
5 GER   1 1 2
6 JPN   1   1
7 HUN     2 2
8 FRA     1 1
9 CZE     1 1

CAMPIONATI DEL MONDO GIOVANI - MEDAGLIERE - Bourges, 05-10 Aprile 2016

GIOVANI   ORO ARG. BRONZO TOT
1 RUS 3 3 3 9
2 FRA 3 1   4
3 ITA 2 4 3 9
4 USA 1 1 3 5
5 JPN 1   2 3
6 POL 1   1 2
7 CHN   2 3 5
8 HUN   1 2 3
9 KOR     1 1
10 GBR     1 1

 

CAMPIONATI DEL MONDO CADETTI E GIOVANI 2016 - MEDAGLIE AZZURRE - Bourges, 01-10 Aprile 2016
Medaglie d'oro
Matteo Neri - Sciabola maschile Cadetti
Daniel De Mola - Spada maschile Cadetti
Alessandra Bozza - Spada femminile Cadetti
Alice Clerici - Spada femminile Giovani
ITALIA - Spada Maschile Giovani

Medaglie d'argento
Gianpaolo Buzzacchino - Spada maschile Cadetti
Erica Cipressa - Fioretto femminile Giovani
Valerio Cuomo - Spada maschile Giovani
ITALIA - Sciabola maschile Giovani
ITALIA - Fioretto maschile Giovani

Medaglie di bronzo
Lara Bertola - Fioretto femminile Cadetti
Beatrice Cagnin - Spada femminile Cadetti
Tommaso Marini - Fioretto maschile Cadetti
Lucia Lucarini - Sciabola femminile Giovani
Guillaume Bianchi - Fioretto maschile Giovani
ITALIA - Fioretto femminile Giovani
ITALIA - Squadra mista Cadetti

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });