Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

ROMA - Dopo un'estate che ha registrato il vero e proprio "boom" dei Campus estivi, la Federazione Italiana Scherma ha voluto lanciare una raccolta di dati volta ad analizzare un fenomeno che, negli anni, è cresciuto in maniera esponenziale e coinvolge, ogni stagione, migliaia di atleti e società, attirando nelle diverse località italiane anche ragazzi provenienti dai Paesi esteri.

L'impegno pofuso dalle società e dai singoli tecnici ha favorito lo sviluppo di una vera e propria "campus-mania" che ha coinvolto tutti: società schermistiche, atleti d'alto livello, tecnici e schermitori italiani ed esteri.

Ciò testimonia la capillare diffusione della scherma sul territorio nazionale, ma anche l'appeal che essa riveste a livello internazionale ed il pieno coinvolgimento di tutti gli attori del movimento schermistico italiano.

La raccolta dati lanciata dalla Federazione Italiana Scherma e che consiste nella compilazione di un modulo da parte delle società organizzatrici dei campus estivi (clicca qui), vuole essere uno strumento non solo per analizzare questo fenomeno, ma anche per avere la definizione di questa realtà per poterla portare all'attenzione degli organismi sportivi nazionali ed internazionali, degli Enti locali, degli Sponsor e degli organi di informazione, sottolineando le capacità organizzative della scherma italiana ed il valore sociale, sportivo, culturale ed econmico che il movimento schermistico produce anche durante i mesi estivi.

In questi giorni stanno giungendo i primi moduli compilati ed il monitoraggio mostra i dati che erano già percepibili anche dall'attività che ciascun campus ha prodotto nei social.

Il Presidente federale, Giorgio Scarso, nel corso dell'estate schermistica, ha visitato alcuni dei campus estivi, tra cui quello organizzato a Sibari (nella foto), che è stato individuato perché promosso da due tecnici e che ha visto centinaia di atleti giungere dalle società di diverse regioni d'Italia, nella località calabra. Ciò ha permesso anche ad alcune realtà schermistiche calabresi di partecipare all'iniziativa, dando ulteriore impulso in termini di stimoli agli atleti di una regione, quale la Calabria, il cui movimento è in rapida crescita anche perché supportato dalla vivacità di società, tecnici e dirigenti che stanno investendo sulla propria passione, a beneficio degli atleti calabresi.

 

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });