Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

ROMA - Il Presidente della Federazione Italiana Scherma, Giorgio Scarso, questo martedi mattina è stato audito dalla Commissione Cultura della Camera dei Deputati. Assieme ai vertici della Federazione Italiana Giuoco Calcio, della Federazione Italiana Canottaggio, della Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali, dell'AeroClub d'Italia e dell'Associazione Italiana Allenatori Calcio, il Presidente federale ha portato all'attenzione della Commissione Cultura, le analisi, gli spunti di riflessione ed alcune proposte relativamente al disegno di legge "recante deleghe al Governo ed altre disposizioni in materia di ordinamento sportivo, di professioni sportive nonché di semplificazioni".

 

La Commissione Cultura, che ha tra i suoi componenti anche l'olimpionico di sciabola, oggi Deputato nazionale, Marco Marin, ha voluto svolgere l'audizione con i rappresentanti di alcune Federazioni sportive, al fine di avere un quadro più ampio delle esigenze e delle richieste dell'articolato e variegato mondo sportivo italiano.

 

Nel suo intervento, il Presidente della Federazione Italiana Scherma, ha proposto la redazione di un testo unico sullo sport, al pari di quanto avviene per il Terzo Settore, al fine di giungere ad una chiarezza ed una semplificazione in termini legislativi e normativi, per quanto riguarda la materia sportiva.

 

Particolare rilievo è stata portata poi dal vertice federale all'ambito della programmazione tecnica di preparazione olimpica, con la necessità da parte delle Federazioni di avere delle certezze in termini di capacità di spesa e di contributi pubblici, e soprattutto sul tema della formazione dei tecnici.
Su questo tema il Presidente federale ha sottolineato l'importanza, per una Federazione sportiva, di indicare e formare i propri tecnici, certificandone poi l'avvenuto percorso didattico. Ciò non solo a garanzia della qualità della classe tecnica e magistrale di ogni disciplina, ma anche a tutela dei soggetti a cui tecnici e maestri fanno da guida e da veicolo di trasmissione dei valori sportivi.
Sull'argomento è stato riscontrato parere unanimamente favorevole da parte degli altri Presidenti federali presenti e del vertice dell'Associazione Italiana Allenatori Calcio, Renzo Ulivieri, oltre che l'apprezzamento di alcuni dei deputati commissari che sono intervenuti nel corso dell'audizione.

 

Tra gli altri temi trattati e che sono stati posti in evidenza dai vari Presidenti federali, vi è stato anche quello del rapporto tra le Federazioni Sportive e gli Enti di Promozione Sportiva, la creazione dei Centri Scolastici Sportivi e lo sviluppo dello Sport universitario.

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });