Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

NAVACCHIO - Un grave lutto ha colpito questo 21 aprile, giorno di Pasqua 2019, la grande famiglia della scherma italiana. E' venuto a mancare infatti, dopo una lunga malattia, all'età di 71 anni, Carlo Macchi.

Allievo del maestro Antonio di Ciolo, Carlo Macchi è stato a lungo docente presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Firenze. Il suo legame con la scuola è stato sempre solido tanto è vero che la società che ha fondato nella sua Navacchio prese come primo nome quello di “Scuola Media Navacchio”.

Negli anni è riuscito a costruire una realtà solida e conosciuta anche se nata nella provincia e a pochi chilometri da centri già conosciuti come Pisa e Lucca. Molti i suoi atleti che hanno saputo farsi valere fino a chi forse gli ha dato la soddisfazione più grande, il nipote Filippo (figlio del secondogenito Simone) che lo scorso anno ha conquistato il titolo di campione d’Europa cadetti.

La sua dedizione verso il Circolo che ha creato lo ha portato anche a riuscire nell’impresa di realizzare un impianto esclusivamente dedicato alla scherma che ancora oggi è una delle migliori strutture del centro Italia.

Per lunghi anni ha collaborato con la Federazione ricoprendo molti ruoli fra i quali anche quello di responsabile della Nazionale under 20. Ha avuto anche l’intuizione di cogliere il momento in cui nel mondo della scherma cresceva l’esigenza di poter reperire l’attrezzatura tecnica, fondando la “DueCi” da cui è scaturita poi la “Eurofencing” gestita oggi dai figli Leonardo e Simone.

"Con Carlo Macchi se ne va un uomo che ha fatto della passione per la scherma il carburante per la sua attività quotidiana - è il commosso commento del Presidente della Federazione Italiana Scherma, Giorgio Scarso -. Negli anni ha ricoperto tanti e diversi ruoli ed incarichi per la Federazione Italiana Scherma, interprentandoli sempre con impegno sincero e con la voglia di dare un contributo importante alla promozione e sviluppo della scherma italiana. A lui va il nostro commosso saluto ed alla famiglia il più sincero cordoglio".

Le esequie si svolgeranno martedì alle 15.00 nella chiesa di San Casciano

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });