Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

TERNI - Una delegazione composta da un tecnico e quattro spadisti libici sono ospiti del Circolo della Scherma Terni. L'accoglienza della delegazione della Libia, rientra nel quadro dell'attività di relazioni internazionali promossa da anni dalla Federazione Italiana Scherma e che vede la stipula di oltre sessanta accordi di collaborazione con altrettante realtà schermistiche di diversi Paesi.

Ad allenarsi a Terni, sino al 20 novembre , insieme al tecnico Serajeddin Ettajour ci sono gli atleti Khaled Buhdeima, Abdussalam Abujtela, Abdulmalek Al Ghadi e Abubaker Al Gadi, per un ritiro di preparazione verso Berna dove parteciperanno, per la prima volta, ad una tappa di Coppa del Mondo di spada maschile.

"Queste sono le realizzazioni concrete di quegli accordi che vengono stipulati e che puntano a far sviluppare la scherma - è il commento del Presidente federale, Giorgio Scarso -. Ringrazio il Circolo della Scherma Terni e tutte le società italiane che accolgono complessivamente oltre cento atleti che scelgono l'Italia e la nostra realtà schermistica, come occasione di crescita e di formazione tecnica. Ma questi rapporti e queste iniziative, non sono solo occasioni di crescita schermistica e sportiva, ma anche culturale e sociale. Lo dimostra questa esperienza che si sta vivendo a Terni - continua Scarso - dove si sta avendo l'opportunità di comprendere come la Libia non sia solo quel "Paese di partenza" come oggi viene definito, quanto una realtà complessa e complicata dove lo sport assume per qualcuno occasione importante di crescita umana e di rapporti con i Paesi del Mediterraneo".

 

"Da parte nostra - spiega il Presidente del Circolo della Scherma Terni, Alberto Tiberi - ci siamo messi a disposizione per far conoscere la nostra scuola ed offrire le nostre competenze, ma anche noi siamo pronti ad apprendere qualcosa da loro".

"Siamo grati per l'aiuto e la disponibilità data dal presidente Scarso e della Federazione Italiana Scherma che ci permette di migliorare il nostro livello di scherma qui in Italia - spiega uno degli spadisti libici, Khaled Buhdeima - In Italia c'è un altissimo livello di scherma e siamo contenti di poter imparare dai maestri italiani. E' un onore poterci allenare in un Circolo prestigioso come questo di Terni dove è nato e cresciuto un campione del mondo come Alessio Foconi. Parteciperemo alla tappa di Coppa del Mondo a Berna per la prima volta come team della nostra federazione. L'obiettivo è acquisire punteggio a livello internazionale per rimanere alti nel ranking e restare tra i primi quattro in Africa. Magari un giorno i nostri giovani atleti diventeranno maestri e quindi abbiamo bisogno di fare esperienza dove c'è scherma di qualità".

A guidare la delegazione il coach Serajeddin Ettajour ed il veterano Khaled Buhdeima, 36 anni capitano della nazionale nonchè membro e fondatore della federazione e tra i primi a portare la disciplina della scherma in Libia. Con lui il ventenne Abdussalam Abujtela, per due volte vice campione africano, ed i giovanissimi 17enni Abdulmalek Al Ghadi e Abubaker Al Gadi. 

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });