Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

LOSANNA - Si è svolto nel fine settimana a Losanna il Congresso FIE 2019. I rappresentanti di tutte le Federazioni schermistiche del Mondo si sono incontrati al SwissTech Convention Center per l'annuale congresso e per la consegna dei riconoscimenti relativi alla stagione 2018-2019.

 

Nel corso dei lavori congressuali, i delegati della scherma mondiale hanno votato favorevolmente l'assegnazione dei Campionati del Mondo Assoluti 2021 a Il Cairo e sono state accolte le candidature di Plovdiv per i Campionati del Mondo Master 2022 e degli Emirati Arabi Uniti per i Campionati del Mondo Cadetti e Giovani 2022.

 

Inoltre, è stata approvata la norma che prevedrà, dal quadriennio 2020-2024, la presenza del 30% di donne in seno a ciascuna Commissione FIE. Inoltre, per ciò che concerne l'ambito SEMI, è stato reso obbligatorio l'uso della lama Maraging nella sciabola e del passante trasparente, in tutte le armi, a partire dalla prossima stagione.

Il Congresso ha poi ratificato l'ingresso ufficiale nel mondo FIE delle Federazioni Scherma di Capo Verde, Kenya, Oman e Papua Nuova Guinea, portando così a quota 157 i Paesi affiliati alla Federazione Internazionale.

 

Tra i punti proposti dall'Italia, vi è stato anche quello dell'integrazione, in seno alla FIE, dell'attività di scherma paralimpica, al pari di quanto avvenuto in Italia dal 2011 e che ha permesso all'ambito paralimpico di avere uno sviluppo in termini tecnici, agonistici ed organizzativi. 
La proposta, presentata all'attenzione del Congresso sin dallo scorso anno, ha visto aumentare il numero di Federazioni favorevoli ma non ha raggiunto il quorum necessario per l'approvazione.

 

Al congresso FIE ha partecipato, come ospite d'onore, il Presidente del CIO, Thomas Bach, il quale, nel suo intervento, ha rimarcato il suo ruolo "super partes" ma non ha dimenticato le sue radici che sono apparse assai ben radicate e profonde nel mondo della scherma.

 

Al termine dei lavori congressuali, si è passati alle premiazioni dei FIE Awards2019, i riconoscimenti per i vincitori della Coppa del Mondo di ogni singola specialità.

L'Italia ha collezionato ben otto riconoscimenti. I premi infatti sono andati a Federica Isola e Davide Di Veroli, rispettivamente vincitori della Coppa del Mondo di spada femminile under20 e spada maschile under20, a Lorenzo Roma che ha conquistato la Coppa del Mondo di sciabola maschile under20, a Martina Favaretto, leader del ranking di Coppa del Mondo di fioretto femminile under20, ad Alessio Foconi che ha vinto la Coppa del Mondo di fioretto maschile ed alle squadre di fioretto femminile under20 e di sciabola maschile under20.

A queste si è aggiunto anche il riconoscimento all'Italia quale Paese vincitore della Classifica per Nazioni ai Campionati del Mondo Cadetti e Giovani 2019.

 

FIE AWARDS 2019 - Losanna, 30 novembre 2019
Federica Isola - Spada femminile Giovani
Davide Di Veroli - Spada maschile Giovani
Lorenzo Roma - Sciabola maschile Giovani
Martina Favaretto - Fioretto femminile Giovani

ITALIA - Fioretto femminile Giovani
ITALIA - Sciabola maschile Giovani

Alessio Foconi - Fioretto maschile 

ITALIA - Trofeo delle Nazioni Under20

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });