Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

ROMA - "Quanto deciso dal Tribunale federale certifica la correttezza delle procedure e del servizio volontario di quanti sul territorio, a partire dai Comitati regionali, si sono impegnati per vivere uno dei momenti più alti della democrazia interna alla nostra Federazione".

Così il Presidente della Federazione Italiana Scherma, Giorgio Scarso, commenta le tre decisioni assunte dal Tribunale federale, pubblicate nell'area Giustizia Sportiva del sito federale, in merito ai ricorsi presentati, relativamente alla fase elettiva regionale per i rappresentanti dei Tecnici e degli Atleti all'Assemblea Nazionale e nelle Assemblee regionali, svoltasi lo scorso 13 dicembre, e riguardanti la compilazione della lista delle società aventi diritto al voto all'Assemblea Nazionale elettiva.

 

Con la decisione n.1 depositata il 18 gennaio, il Tribunale federale ha respinto il ricorso proposto dal alcuni tesserati, volto all'annullamento delle elezioni dei rappresentanti dei Tecnici nell'Assemblea Nazionale, delle elezioni dei rappresentanti dei Tecnici nelle Assemblee regionali di Lazio, Lombardia, Piemonte, Sicilia e Toscana, delle elezioni degli Atleti nelle Assemblee Nazionali e regionali per le regioni Lazio, Sicilia e Toscana, e dei conseguenti risultati elettorali e per la rettifica degli stessi.

Il Tribunale federale ha poi accolto il ricorso proposto da un'Associazione Sportiva circa l'esclusione della stessa dall'elenco delle società aventi diritto al voto nella prossima Assemblea Nazionale elettiva.

Infine, con la decisione n.3, il Tribunale federale ha respinto il ricorso proposto da un'Associazione Sportiva relativamente all'inserimento nell'elenco degli Affiliati aventi diritto al voto per l'Assemblea Nazionale elettiva di sei società.

 

"Abbiamo letto le motivazioni del Tribunale federale e - commenta il Presidente, Giorgio Scarso - abbiamo ancora una volta avuto conferma che la realtà del nostro movimento schermistico sia ben lontana e diversa da quella che qualcuno, pur nell'esercizio dei pieni diritti, aveva ipotizzato. I valori del rispetto delle regole e dell'avversario che da sempre la scherma promuove e veicola, soprattutto tra i più giovani, sono stati e sono tuttora i pilastri su cui si fonda il movimento schermistico italiano. Intendo con ciò non solo la Federazione ed i suoi vertici, ma anche le sue espressioni territoriali e prim'ancora la rete di volontari che con passione, dedizione ed entusiasmo, mettono a disposizione il loro tempo e la loro opera. E' a loro che, anche alla luce delle decisioni assunte dal Tribunale federale, rinnovo la mia gratitudine".

 

Area GIUSTIZIA SPORTIVA

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });