Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

ROMA - Si è svolta questo mercoledi al Salone d'Onore del CONI la prima seduta del Consiglio federale per il quadriennio 2021-2024.
Il Presidente Paolo Azzi ed i consiglieri federali eletti nel corso della XXX Assemblea Nazionale Ordinaria Elettiva, si sono incontrati per affrontare un lungo ordine del giorno che ha riguardato tutti gli ambiti della vita federale.

 

A portare il saluto e "l'in bocca al lupo" per la nuova avventure e per le sfide che attendono il nuovo Consiglio federale, è stato il Presidente del CONI, Giovanni Malagò. "Qui siete a casa vostra - ha sottolineato il vertice dello Comitato olimpico italiano, accompagnato dal Vicepresidente vicario Franco Chimenti e dal Segretario generale, Carlo Mornati -. La storia del CONI è legata alla storia della scherma italiana. Le aspettative che il CONI e tutto lo sport azzurro ha su di voi, vi mettono di fronte a responsabilità importanti ma so bene quanta passione e quanto impegno sarete capaci di infondere e questo mi fa ben sperare. La vostra è una Federazione sana, al di là dei risultati sportivi, ed è stata gestita con la dovuta attenzione. Oggi siete chiamati - ha aggiunto Malagò - a proseguire su questo percorso, affrontando un quadriennio che vi porterà a vivere ben due edizioni olimpiche. Paolo - ha concluso il Presidente del CONI riferendosi al vertice federale - è persona seria, preparata, conosce i problemi della scherma e soprattutto i suoi tanti pregi. Sono convinto che insieme continueremo a lavorare in sintonia, portando benefici allo sport italiano".

 

I lavori, iniziati con una relazione introduttiva del Presidente Paolo Azzi e con il saluto del Presidente onorario Giorgio Scarso, ,hanno visto il Consiglio nominare anche i due Vicepresidenti. Si tratta di Maurizio Randazzo, che sarà Vicepresidente vicario, e Vincenzo De Bartolomeo, entrambi risultati i più votati nel corso dell'Assemblea elettiva.

 

Il Consiglio ha poi varato il contributo ordinario destinato alle società. Così come accaduto lo scorso anno, dato il perdurare della situazione emergenziale, la Federazione destinerà il contributo ordinario agli affiliati elargendo la metà dello stesso entro il 30 aprile e la seconda metà all'inizio della nuova stagione agonistica.

Tra i vari punti, sono state affrontate anche alcune modifiche alle disposizioni per l'attività agonistica che determineranno una rimodulazione del calendario dell'attività agonistica per la stagione in corso.
Sono stati poi aggiornati i protocolli per l'organizzazione delle attività addestrative e per le competizioni, grazie alle esperienze ed ai feedback ricevuti dopo i test-event e le prime competizioni svoltesi in questo periodo.

I consiglieri hanno poi deliberato di prevedere, per tutte le competizioni in programma, sia a livello nazionale che regionale, la pubblicazione live dei risultati delle gare, anche al fine di ridurrre l'utilizzo di carta nel corso delle gare, fornire una visibilità maggiore alle competizioni e soprattutto evitare assembramenti così come disposto dai protocolli anti Covid.

 

Il Consiglio ha poi analizzato attentamente la tematica relativa alla partecipazione ai Campionati del Mondo Cadetti e Giovani Il Cairo2021, deliberando per la rinuncia dettata dall'emergenza sanitaria mondiale, assumendo l'impegno di sostenere la crescita tecnica e sportiva degli atleti che i Commissari tecnici avevano proposto per le convocazioni, attraverso un percorso da condividere con gli stessi Responsabili d'Arma.

 

La prospettiva del Consiglio federale si è poi spostata su Tokyo2021 e, nello specifico, sui Giochi Paralimpici. L'Iwas, infatti, ha nei giorni scorsi comunicato la conclusione della fase di qualificazione olimpica, con il "congelamento" del ranking attuale per ogni singola categoria di ciascuna specialità. Il Presidente, in tal senso, ha informato i consiglieri di avere, assieme al Comitato Italiano Paralimpico, chiesto ufficialmente alla Federazione internazionale di scherma paralimpica di comunicare, in tempi rapidi, i nominativi degli atleti qualificati, al fine di permettere agli stessi di impostare la programmazione del percorso verso i Giochi.

 

I lavori sono proseguiti poi affrontando diversi punti di carattere organizzativo, tra cui l'assegnazione delle deleghe ai vari consiglieri e con la nomina del Presidente del Comitato regionale FederScherma Lazio, Claudio Fontana, quale Coordinatore della Consulta dei Comitati regionali.

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });