Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

CASSINO - Pizzo-Garozzo è stata la sua ultima finale. Giuliano Ranza, dopo 40 anni di arbitraggio, ha concluso ieri un’attività che lo ha consacrato come eccellenza italiana in tutto il mondo. Prima del match che metteva in palio il titolo di spada maschile degli Assoluti 2021, a Cassino, Giuliano Ranza è stato premiato dal Presidente federale, Paolo Azzi, ricevendo l’applauso e l’abbraccio ideale di tutta la “famiglia” della scherma. 

Sì, perché Giuliano Ranza non è stato solo arbitro olimpico (a Rio 2016), mondiale, europeo, protagonista di tutte le finali più importanti e da guinnes dei primati, ma ha avuto il merito di essere un riferimento per generazioni di giovani che in lui hanno visto un esempio di serietà e professionalità. Sono le doti che ha incarnato in ogni gara, e che hanno fatto crescere tutto il movimento della scherma. 

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });