Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Quello che si è concluso ieri è stato un lungo mese di scherma, che ha segnato la tanto auspicata ripresa delle competizioni nazionali e, dopo lo stop del 2020, ha assegnato nuovamente i titoli italiani. A partire dal 10 maggio sono iniziati infatti a Riccione i Campionati italiani Cadetti e Giovani, poi è stata la volta degli Assoluti individuali di Cassino e dei Campionati italiani Paralimpici e non vedenti a Verona, infine questo fine settimana Napoli ha ospitato gli Assoluti a squadre. A chiudere questa serie di appuntamenti ci saranno anche i Campionati italiani Master che si svolgeranno dal 24 al 27 giugno a Bressanone.

 

Un tour de force al quale hanno risposto con entusiasmo sia gli atleti, che hanno potuto riprendere confidenza con le pedane e con i ritmi da gara, sia i comitati regionali, che hanno organizzato gli eventi con molto impegno e nel rispetto di tutte le normative sanitarie.

 

E' stata espressa grande soddisfazione per i risultati ottenuti anche dal Presidente della Federazione italiana Scherma Paolo Azzi che ha voluto fare un bilancio di quanto fatto nell'ultimo periodo, guardando anche ai prossimi impegni.

"Queste gare hanno rappresentato il bellissimo coronamento del percorso con cui la scherma è finalmente ripartita - ha spiegato Azzi - Gli atleti hanno avuto l'occasione per mettersi alla prova e incontrarsi tra loro e tutte le finali sono state di altissimo livello, segno che c'è sempre stata da parte loro grande serietà negli allenamenti e nel lavoro svolto. Nei brutti mesi precedenti abbiamo provato a offrire alternative agli atleti, ma la gara è sempre difficile da sostituire e c'era grande voglia di tornare alla competizione vera. Siamo molto felici di questo primo passo verso il ritorno alla normalità, adesso l'obiettivo è quello di rispettare la grande tradizione della scherma italiana a Tokyo e poi anche Parigi 2024 sarà dietro l'angolo, ma per fortuna abbiamo tanti giovani che sono già sulla strada giusta e possono ancora crescere".

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });