Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

SAN SEVERO - Dopo Bari, Lecce, Manduria e Brindisi anche la Capitanata mette a segno “Una stoccata per la vita”: il progetto “Fencing for Change” approda anche nella provincia più a nord della Puglia ed è San Severo la piazza individuata per il prosieguo dell’iniziativa, partita nella tarda primavera del 2017, che a livello istituzionale ha coinvolto in una preziosa partnership l’Esercito, la Conferenza Episcopale pugliese, il Comitato Regionale Federscherma, l’Ufficio Scolastico Regionale e l’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari.

L’attività a San Severo è rivolta in particolare ai diversamente abili in virtù del progetto presentato dalla direttrice del Centro Polivalente “Il Sorriso” Iole Marianna Sacco: l’obiettivo è abbattere le barriere sociali e favorire l’integrazione, ponendosi come strumento di coesione ed inclusione sociale.

A fare gli onori di casa il sindaco di San Severo Francesco Miglio, accompagnato dal Generale di Brigata Giorgio Rainò, comandante territoriale dell’Esercito in Puglia, dal vicario generale della Diocesi di San Severo Don Luigi Rubino e dal Presidente del Comitato Regionale Federscherma Puglia Matteo Starace, il quale ha ribadito ancora una volta l’importanza dell’alleanza educativa alla base di “Una stoccata per la vita”. Concise ma molto sentite le parole di apprezzamento che a sua volta il generale Rainò ha rivolto, tramite il presidente Starace, al mondo della scherma: “Grazie per tutto quello che, ogni volta, fate per questo progetto!”.

L’iniziativa si pone come un laboratorio di educazione civica e sportiva che, in collaborazione con il Club Scherma San Severo, offre agli ospiti del Centro Polivalente “Il Sorriso” l’opportunità di apprendere le basi e soprattutto i valori della pratica schermistica: le lezioni, che avranno inizio il 15 luglio, riguarderanno circa 40 giovani diversamente abili.

Al termine della presentazione del progetto c’è stata una breve dimostrazione che ha visto protagonisti i talenti emergenti Antonio Miale e Martina Giancola e l’atleta azzurra Gaia Carella, vincitrice di due medaglie di bronzo ai recenti Campionati Europei Cadetti di Foggia.

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });