Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

BARI - La Regione Puglia ha conferito il premio “Radice di Puglia” agli atleti pugliesi saliti sul podio in occasione dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo. Fra di essi, ovviamente, lo sciabolatore foggiano Luigi Samele, medaglia d’argento nell’individuale e a squadre. Con lui sono stati premiati anche gli ori olimpici della marcia Antonella Palmisano e Massimo Stano, Vito Dell’Aquila (oro nel taekwondo), la nuotatrice Vittoria Bianco ed il plurimedagliato atleta paralimpico Luca Mazzone.

La cerimonia, intitolata “Orgoglio Pugliese”, si è svolta presso il teatro Kursaal Santalucia di Bari ed è stata dedicata alle atlete e agli atleti che hanno partecipato alla rassegna a cinque cerchi e ai tecnici che li hanno formati nelle società sportive di origine: tutti hanno ricevuto una targa in segno di gratitudine per aver portato in alto il nome della Puglia. Tra gli atleti premiati anche la sciabolatrice Martina Criscio ed i Maestri Andrea Terenzio e Benedetto Buenza. Alla cerimonia hanno preso parte il presidente del Comitato Regionale FIS Puglia Roberto Lippolis, Matteo Starace (componente dello staff del Presidente di Federscherma Paolo Azzi e già presidente del Comitato Regionale) ed il presidente del Circolo Schermistico Dauno Romeo Maestri.

«Queste ragazze e questi ragazzi - ha dichiarato Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia - hanno fatto della nostra regione una delle principali partecipanti alle Olimpiadi. Ci sono Paesi con decine di milioni di abitanti che non hanno conquistato le medaglie ottenute dalla Puglia: questo per la Puglia è stato molto importante, siamo orgogliosi di loro perché hanno fatto un grande regalo a noi tutti, alla nostra regione, frutto di enormi sacrifici e dell’impegno che con gratuità hanno profuso in tanti anni di allenamento».

Grande orgoglio nelle parole di Luigi Samele: «Le due medaglie olimpiche hanno coronato un cammino di cinque anni di duro lavoro in cui ho messo tutto quel che avevo. Noi pugliesi siamo fatti così, gente sanguigna che lavora sodo per raggiungere i propri obiettivi e sono felice che ai Giochi Olimpici la Puglia sia stata protagonista ai massimi livelli».

In sintonia il commento del presidente di Federscherma Puglia Roberto Lippolis: «Una delle espressioni più ricorrenti nel corso degli ultimi Giochi Olimpici, dove la Puglia da sola ha prevalso persino sul medagliere di numerose Nazioni, è stata proprio “Orgoglio pugliese”: in questo senso il movimento schermistico della nostra regione ha dato il suo prezioso contributo con le due medaglie d'argento di Samele ma anche con il buon esito della gara di Martina Criscio nella sciabola femminile a squadre. Mi unisco quindi all'orgoglio espresso dal Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano nel trovarmi al vertice della grande famiglia della scherma pugliese».

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });