Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Da Santa Venerina a Carrara. È stata un successo la seconda edizione del Corso Interregionale GSA Sicilia-Toscana rivolta alle future leve del Gruppo Schermistico Arbitrale. L’iniziativa è stata voluta dai delegati regionali e arbitri internazionali Emanuele Bucca e Simona Pierucci, dipanandosi in due appuntamenti.

 

Il primo si è svolto in terra siciliana, con il coordinamento del Comitato regionale presieduto da Arturo Torregrossa e alla presenza, tra gli altri, del consigliere federale Sebastiano Manzoni. Lo scorso weekend, poi, ad approcciarsi al delicato e affascinante ruolo di arbitro sono stati i giovani toscani, in occasione della Seconda Prova Interregionale Under 14 organizzata a Carrara.

 

Il corso, che ha avuto tra i suoi relatori (in entrambe le sessioni) il componente della Commissione nazionale GSA, Marco Barrera, ha così alternato lezioni in aula e attività in pedana. L’arbitraggio delle ultime gare territoriali prima del Gran Premio Giovanissimi “Renzo Nostini” – Trofeo Kinder Joy of Moving in programma dal 9 al 19 ottobre a Riccione, infatti, è stato aperto anche ai corsisti con il supporto del video-arbitraggio. Lì i debuttanti hanno potuto avvalersi della supervisione dei propri docenti Pierucci, Bucca e Barrera, vivendo così un momento altamente formativo e garantendo l’assoluta regolarità della competizione.

 

Anzi, proprio dai tecnici accompagnatori delle varie società impegnate nella kermesse di Carrara sono giunti consensi per l’iniziativa promossa dal delegato del GSA Toscana, Simona Pierucci, che ha così commentato: “Abbiamo applicato la stessa modalità formativa rivolta agli arbitri nazionali, dando la possibilità ai nostri ragazzi di avere un primo approccio non soltanto teorico ma anche pratico, in un vero appuntamento agonistico. Avevamo nove nuovi corsisti, cinque si sono già abilitati mentre altri quattro continueranno il loro percorso nelle rispettive palestre. In Toscana, infatti, abbiamo istituito per ogni club la figura di un tecnico che funge da referente GSA, segnalando e seguendo chi mostra interesse per l’arbitraggio e interfacciandosi con il delegato. Una strada che ha permesso di lavorare da sistema, visto che l’iniziativa è stata subito accolta dal presidente del Comitato regionale Federscherma Toscana, Domenico Cassina, adoperatosi al meglio anche in questa occasione e che ringrazio per il suo sostegno. Così come la mia gratitudine, per il lavoro svolto, va al mio collega Emanuele Bucca, reduce dalla formidabile esperienza dell’Olimpiade di Tokyo, e al componente di Commissione arbitrale Marco Barrera, ma anche al mio team toscano composto da Elena Marrucci, Tommaso Saviozzi, Jacopo Rubini e Michele Del Macchia, perché solo lavorando di squadra si possono raggiungere risultati importanti. Infine, e non certo per importanza, è stato un grande piacere, e un onore, ospitare nelle nostre lezioni in aula anche Marco Pistacchi, componente della Commissione arbitrale della FIE”.

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });